Rampage diventa un film con The Rock

Condividi con chi vuoi!

Negli ultimi anni, sul grande schermo, abbiamo assistito a una vera e propria esplosione di reboot, remake, sequel, prequel e chi più ne ha più ne metta. Come se negli anni ’70, ’80 e ’90 del secolo scorso avessimo posto le basi per il futuro, aperto una fonte da cui ancora sgorga linfa preziosa (o comunque remunerativa). Nel frattempo il cinema ha continuato imperterrito a depredare il mondo dei videogiochi, creando opere in live action di titoli di grido più e meno recenti, pensiamo ad esempio ad Assassin’s Creed o l’ultimo Tomb Raider. La summa definitiva della fusione dei due mondi e del richiamo agli anni ’80 è probabilmente un progetto dalle ambizioni epiche, apocalittiche, che vedrà la luce (o meglio il buio delle sale italiane) il prossimo 12 aprile: Rampage – Furia Animale. Un progetto che nasce appositamente per fare chiasso e scatenare le urla del giovane pubblico in sala, ma da dove arriva il concept originale di tutta l’operazione?

Distruggere, distruggere

Facciamo un passo indietro e scopriamo le origini del “mito” Rampage: è il 1986 e alla Midway Games qualcuno ha un’intuizione brillante, scatenare tre mostri di dimensioni titaniche tra grattacieli e strade. L’idea davvero geniale però si nasconde nel punto di vista: da giocatori non abbiamo il compito di fermare e abbattere le creature, al contrario vestiamo proprio i panni (pardon, il pelo) delle bestie immonde, con il solo obiettivo di distruggere le metropoli prima che l’esercito ci uccida. Abbiamo così la possibilità di scegliere fra George, un gorilla chiaramente ispirato a King Kong, Lizzie, una enorme lucertola gigante, Ralph, un lupo mannaro statuario. Il primo gioco della serie, visto l’anno di uscita, aveva una struttura molto semplice e godeva di pochi pixel ammucchiati, eppure il suo successo nelle sale arcade è stato enorme. Motivo per cui si è formata una serie che conta altri cinque capitoli ufficiali sbarcati anche sulle console casalinghe come la PlayStation e il Nintendo64, sopravvivendo fino al 2006 con Rampage: Total Destruction per PlayStation 2 e GameCube.

Salvate George

Gli ingredienti per un videogioco rozzo e brutale, dunque, c’erano praticamente tutti, compresa una sana dose di violenza gratuita senza esclusioni di colpi. Tutti elementi che dovremmo ritrovare anche nella trasposizione live action, un’opera d’azione con sfumature fantasy grazie alla quale staccare completamente il cervello e perdersi fra le botte e i proiettili. A confermare questa tesi è sicuramente il protagonista del film, il muscoloso Dwayne “The Rock” Johnson, ormai sigillo di garanzia del trash e diretto erede dei miti anni ’80 di simile stazza. Il personaggio di The Rock sarà un ponte fra il concept originale del videogioco e questo nuovo film, ovvero dovrà salvare l’aggressivo George – risultato di un esperimento fuori controllo che mira a distruggere la città – da morte certa. Con lui troviamo anche Naomie Harris, Jeffrey Dean Morgan (esatto, proprio il Negan di The Walking Dead) e Joe Manganiello, nomi che non fanno che confermare la natura “ignorante” dell’intera produzione. Se solitamente da appassionati preghiamo che l’ultimo film di turno non distrugga l’opera videoludica da cui ha tratto ispirazione, questa volta siamo pressoché certi che vedremo un caos totale, e forse – una volta tanto – va bene così.

Source link