Re:Mind, la recensione della serie giapponese di Netflix

Condividi con chi vuoi!


La popolazione giapponese trova una sua caratterizzazione, tra le altre cose, nel vitalismo esasperato con la quale vive le sue passioni/ossessioni. Ne è talmente attratto da arrivare a creare, e quindi fruire, mondi e immaginari inconcepibili nel resto del pianeta terra; mondi che vanno dalla più incredibile bellezza alla deviazione più assoluta. È il paese della contraddizione, dei maid café e dei pudori più estremi; il paese dove il perbenismo, la cortesia e l’estrema educazione pubbliche hanno bisogno di valvole di sfogo, vulcani che eruttano in esplosioni di fantasie fuori di testa. Tutti conosciamo la perversione e la visione che il Sol Levante ha dell’horror, così come ben nota è l’euforia ossessiva che circonda gli/le idol, adolescenti elevati al rango di vere superstar. Cosa succede se si prendono due mondi, quello degli idol e dell’horror, e si mettono insieme? Può per esempio accadere che su Netflix esca una serie come Re:Mind.

Aggiungi un posto a tavola

Undici ragazzine, rigorosamente in uniforme scolastica, si risvegliano in una strana stanza dall’arredamento medievale. Sono sedute intorno ad una tavola riccamente apparecchiata, incappucciate, impossibilitate a muoversi da delle specie di ceppi, imprigionate. Il terrore è prevedibile, come prevedibile è il loro scopo: trovare una via di fuga. Quelle che a primo impatto sembrerebbero delle povere vittime vengono però subito ricontestualizzate. Si conoscono tutte, sono compagne di scuola, e hanno un intuibile segreto in comune. Loro sono undici, le sedie dodici; manca infatti Miho, amica sparita tre mesi prima. Che qualcuno le voglia punire per un misterioso peccato? Inizia quindi un viaggio mnemonico, indietro nei ricordi, scavando all’interno delle proprie azioni. È un viaggio di espiazione, di confessione delle proprie debolezze tra torture e spaventi, per arrivare a scoprire l’oscurità che si cela dietro gli angelici volti.

Chi ha paura della banalità

L’idea di fondo potrebbe anche essere interessante, se non fosse che il tutto è sviluppato nella maniera più banale possibile. Con un movimento che assomiglia a quello di Tredici, ciascuna delle ragazze deve rendere conto di peccati personali, tutti legati all’amica assente. Si scoprono relazioni e associazioni inaspettate, ma non c’è niente che sorprenda veramente. Tutto è veramente troppo mediocre, senza rivelazioni degne di nota, con uno schema di fondo che si trascina ripetutamente nei venticinque minuti di ciascuno dei dodici episodi. Risultano futili e improbabili storie di ragazzine, ma nel senso peggiore, non supportate da una scrittura in grado di rendere con delicatezza o interesse il quotidiano o il superfluo. Anche il lato “spaventoso” della cosa è gestito con mediocrità. La tensione è assente, le trovate orrorifiche fin troppo blande e banali. C’era la possibilità di poter spingere, di mettere in piedi qualcosa dalla visionarietà forte, quasi malata, ma si è sciolto tutto subito, rivelando la vera natura del prodotto.

L’abilità dell’idol

Il lato horror infatti è un pretesto, uno dei qualsiasi palcoscenici per i veri motivi di interesse della serie, le Hiragana Keyakizaka46. Le protagoniste infatti fanno tutte parte del celebre gruppo idol, mostrando i propri limiti recitativi. Sono ragazzine osannate per il loro status, senza particolari abilità, inserite in un contesto che può portare all’esaltazione il solo fandom del gruppo. È tutto veramente troppo brutto, dalla scrittura alla recitazione fino alla regia, ma non per loro, non per le schiere di ossessionati ragazzini che hanno il solo desiderio di vedere i propri idoli nelle più disparate situazioni, senza l’interesse di un prodotto costruito bene. Per tutti gli altri è un qualcosa di evitabile, dal concept di fondo sicuramente intrigante, ma che non mette in campo nessun valore per concretizzarlo.





Fonte Notizia